Bentornati cari FollowHz,

state pronti per esplorare l’ignoto!

Nonostante i recenti scandali e le numerose problematiche di Activision Blizzard, Microsoft agisce per farla tornare tra le stelle!

Il recente arrivo di Bethesda tra gli Xbox Game Studios aveva già fatto presagire cambiamenti importanti nel mondo del gaming, con una Microsoft prontissima per imporsi sul mercato e creare un predominio. D’altronde le recenti acquisizioni hanno portato numerosi vantaggi agli utenti Xbox, con l’inserimento di clamorosi brand sull’Xbox Game Pass, pronto a ricevere tutte le Xbox Exclusives al lancio, nonché numerosi prodotti adesso in mano al gruppo di Phil Spencer.

Il mirino della casa di Redmond era finito su numerose ipotetiche case di sviluppo, puntando verso nuove collaborazioni o interessanti accordi. Nessuno, però, si sarebbe mai aspettato di vedere Activision Blizzard comprata da Microsoft! La notizia, di poche ore fa, s’inquadra quasi come una diretta conseguenza degli innumerevoli scandali che hanno coinvolto gli ideatori di World of Warcraft e Call of Duty. L’operazione vede in campo una cifra stratosferica, che conta ben 68,7 miliardi di dollari, andando ad infrangere il record dell’acquisizione di Zynga da parte di Take-Two.

Negli ultimi mesi erano state tante le notizie negative intorno ad Activision Blizzard, che sembrava essere entrata in un turbine inevitabile che ha condotto verso una profonda crisi. Le vicende avevano coinvolto il CEO della compagnia, che a quanto pare non solo ha compiuto atti di molestie di natura gravissima, ma gli è stato anche imputato di aver insabbiato fatti del genere compiuti da altri membri dell’azienda, avendo nonché licenziato in tronco dipendenti con un’eccessiva frequenza.

Microsoft acquisisce Activision Blizzard, che futuro avrà il franchise?

Microsoft
L’elemento più intrigante della citata acquiszione non può non riguardare gli immensi franchise adesso posseduti da Microsoft. Infatti Activision Blizzard è stata la fondatrice di immensi universi del calibro di World of Warcraft e Diablo, con i titoli della saga hack&slash infernale che non sarebbe strano vedere su Game Pass. Come non citare la macchina di guadagni rappresentata da Call of Duty, che tra Warzone e il recentissimo seppur deludente Vanguard ha macinato successi economici.

Le ruote del carro finiscono dunque per essere Overwatch e Starcraft, che risultano senza dubbio delle ottime carte per ingraziarsi le fanbase appassionate. Impossibile però dimenticare la grande Toys for Bob, responsabile del ritorno in grande stile di Crash e Spyro che potremmo anch’essi vedere nell’abbonamento di Microsoft. Innesti anche per il mondo mobile, con Activision Blizzard che ha messo sul piatto della bilancia il team dietro Candy Crush, uno degli esport neo-nascenti già candidati nei nostri Emotion Games Awards.

In tutto questo come s’inserisce l’Esport? A quanto riportato dal post del Blog di Microsoft relativo alla news, entrano a far parte dell’egida di Redmond anche le competizioni che coinvolgevano Activision Blizzard, con la Major League Gaming che diventerà protagonista del panorama degli sport virtuali di Xbox.

Questa mossa non può che giovare al parco esclusive di cui il buon Phil Spencer si fregia, ma risulta ancor più interessante per la società su cui ci siamo soffermati. Non è difficile pensare che sia in arrivo uno stravolgimento epocale dei grandi mondi virtuali prima citati, ma dal mio punto di vista è anche ora che avvengano dei cambiamenti, considerando che la vecchia politica ha portato ad un crollo profondo di uno dei giganti di questo medium che amiamo, adesso tornato sulla cresta dell’onda quasi come un Celestiale sopito da tempo.

Allora cosa ne pensate? Fatecelo sapere nello spazio riservato ai commenti!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ricopia i numeri che vedi in basso *