Cari FollowHz,

Il dissipatore è uno di quei componenti spesso sottovalutato, ma senza di lui il processore, nel migliore dei casi, perde di prestazioni oppure spegne in automatico il PC per evitare problemi ben più gravi.

Quando noi costruiamo un PC dobbiamo considerare che è un mix di componenti sotto tensione, la fisica ci insegna che la corrente, quando viaggia all’interno di un conduttore, genera calore e questo calore è dannoso per tutti i componenti e, in modo particolare, alla CPU.

Dissipatore: com’è fatto?

dissipatore

Il dissipatore più semplice è costituito da una piastra che va posizionata a contatto con la pasta termica del processore, un radiatore e una o più ventole.

Dentro il radiatore spesso c’è aria o olio, che in questi casi funziona più che bene, il quale trasporta il calore dal processore alle lamelle del radiatore stesso che lo lasciano uscire grazie al flusso d’aria che circola all’interno del PC chiamato: airflow.

L’airflow è il modo in cui l’aria circola all’interno del PC e, più è concepito bene, più il dissipatore lavora meglio.
Infatti, se l’aria calda rimane in circolo all’interno del computer, non serve a niente avere il dissipatore migliore del mondo, bisogna usare le ventole in modo da portare l’aria calda ad uscire è fare entrare aria fresca.

Un airflow studiato bene vi regala anche 2-3 gradi in meno, in questo ambito non sono pochi.

Dissipatore a liquido

dissipatore

Passiamo ad un must degli ultimi tempi, il dissipatore a liquido.

Spesso vediamo delle build dove ci sono tubi che vanno ovunque con dentro dei liquidi dai colori più improbabili, ecco quelli sono gli esempi più artistici di raffreddamento a liquido.

Oggi come oggi, in ambiente domestico, non esistono computer raffreddati al 100% grazie al liquido, infatti troverete sempre qualche ventola nascosta che permette a questo liquido, che entrerà in un radiatore, di rilasciare il calore all’esterno.

Ma perché quindi molti scelgono il raffreddamento a liquido?

In definitiva è leggermente più silenzioso, ma comunque hai un motorino che ne garantisce il circolo e delle ventole che lo raffreddano, nessun componente emette 0dB.

Dissipatore e polvere: non vanno d’accordo.

dissipatore

Tutti ci siamo accorti che dopo qualche anno il PC (anche le console) scalda di più di prima e le ventole fanno più rumore, ecco uno dei maggiori problemi è la polvere accumulatasi all’interno.

Non solo per il dissipatore in sé, ma per tutto il computer la polvere è il nemico numero uno.
Per darvi un’idea di quanto la polvere sia dannosa anche oltre alla dissipazione, ho visto con i miei occhi un computer fare una fiammata all’interno, quella fiammata era polvere surriscaldata che ha preso fuoco per il calore.

Quindi la polvere deve essere tolta periodicamente aprendo il PC e, con delicatezza, rimossa da ogni punto.
Il rumore fastidioso delle ventole e una scarsa dissipazione spesso è data dall’accumulo di polvere tra le ventole e negli spazi tra le lamelle del dissipatore.

Per rimuovere la polvere in modo efficace esistono alcuni prodotti fatti apposta per i componenti informatici ma, se non avete voglia di comprarli, vi basta del cotton fioc, un phon con la possibilità di aria fredda e un’aspirapolvere.

Passate velocemente il phon con l’aria fredda nei punti dove c’è molta polvere per togliere il grosso, usate l’aspirapolvere per togliere il rimanente, infine con i cotton fioc leggermente umidi raccogliete quella rimasta nei punti più difficili da raggiungere.

Se la pulizia viene fatta bene e regolarmente può fare la differenza e raddoppiare la vita del PC.

Quale dissipatore comprare

dissipatore

Per scegliere il dissipatore serve sapere il consumo del proprio processore, non potete mettere un dissipatore disegnato per un processore che consuma 50 Watt su un processore che ne consuma 150, il dissipatore non riuscirà a raffreddare abbastanza.

Ora per quanto riguarda i dissipatori ce ne sono talmente tanti che è difficile consigliarne uno, inoltre ogni configurazione ha le sue esigenze tra componenti, case e altre ventole;
Unico appunto non usate quelli venduti insieme al processore che non sono sufficienti per più di un anno.

Qui di seguito alcuni dei dissipatori scelti da noi:

dissipatore

Ricordate che ci deve essere equilibrio nella scelta della componentistica.

Non dimenticate di guardare i vecchi episodi di Hardware Tour disponibili sia su Twitch che su YouTube, leggete gli altri articoli correlati.

Cosa ne pensate?

Il vostro dissipatore raffredda bene?

Avete intenzione di cambiarlo?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ricopia i numeri che vedi in basso *