Home » Attività » Resident Evil 3 Nemesis: Recensione della Demo

Resident Evil 3 Nemesis: Recensione della Demo

Bentornati cari Followhz,

State pronti per esplorare l’ignoto!!!

In un 2020 ricco di Remake, la Demo di Resident Evil 3 Nemesis è l’occasione perfetta per ottenere un assaggio di questi incredibili videogiochi, ormai paragonabili a prodotti nuovi di zecca. L’eco del Nemesis è poderoso all’interno delle menti nostalgiche degli appassionati e, seppur in brevissimi frangenti, sarà possibile sperimentare la furia omicida del mostro creato dall’Umbrella Corporation. 

L’atmosfera meravigliosamente tesa viene affiancata da creature molto scaltre ed imprevedibili, la cui presenza è tanto semplificata da renderla futile, con intere zone vuote e che in assenza di punti di salvataggio sembrano essere state estrapolate ed un minimo adattate ad una versione di prova.

Addentriamoci dunque nella Raccon City che c’eravamo ripromessi di abbandonare, interpretando la ormai nota Jill Valentine.

Resident Evil 3 Nemesis

La demo inizia in medias res, catapultandoci in una situazione critica per Jill e Carlos. Tra vecchie e nuove conoscenze, dopo una cutscene poco esaustiva e fin troppo concentrata su parti di trama già avvenute, potremo ottenere il controllo della nostra protagonista.

Vorrei concentrarmi per un momento sul doppiaggio italiano, che, rispetto all’ottimo lavoro messo in atto con il Remake di Resident Evil 2, delude le aspettative, con voci forzate e poco coinvolgenti. Unica eccezione risiede nella protagonista, quanto meno in grado di far trasparire qualche emozione.

Resident Evil 3 Nemesis

Addentrandoci nelle stradine della lugubre Raccon City ecco che Resident Evil 3 Nemesis mostra tutto il suo potenziale, riuscendo nell’intento di trasformare lo stile grafico e il dettaglio estetico della PS1 in fotorealismo sfrenato permesso dall’incredibile Playstation 4. 

Come non citare poi l’ormai consolidato gunplay, con visuale in terza persona perfettamente integrata nelle atmosfere inquietanti che ci si porranno davanti. Molto intrigante la possibilità di schivare attacchi nemici, elemento nuovo che si associa alla perfezione ad una difficoltà che seppur in questa demo sia fin troppo ridotta, suggerisce di essere, in sede di gioco completo, molto più ardua ed esaustiva.

Infatti la resistenza dei nemici è stata sorprendentemente aumentata, con un utilizzo molto appagante di elementi ambientali e scenografici come barili esplosivi, che potranno essere fidati amici in momenti pericolosi.

Resident Evil 3 Nemesis: Collezionabili

Grande assente sono gli enigmi, di cui appaiono esclusivamente i resti, probabilmente con i quali il giocatore dovrebbe aver già interagito. Carina la presenza di collezionabili e approfondimenti scritti riguardo la trama. Purtroppo il Nemesis sembra essere posizionato solo per far scena, con un combattimento facilmente evitabile ma dalle premesse molto accattivanti.

La Demo di Resident Evil 3 Nemesis sarebbe dovuta essere un biglietto di sola andata verso l’inferno, godendo di sano terrore e complessi enigmi. Il tutto però viene smorzato dalla riservatezza degli sviluppatori, che questa volta hanno tirato il freno con un inevitabile calo del tono generale. Nonostante ciò la presenza di ottimi elementi di gameplay, nonchè spunti intriganti per quanto riguarda difficoltà e Boss Fights fanno ben sperare riguardo un progetto molto atteso.

Lati Positivi: 
– GunPlay e Gameplay perfettamente integrati
– Fotorealismo stupefacente
– Atmosfera Lugubramente affascinante
– Accenni a difficoltà e interazioni ambientali promettenti.

Lati Negativi:
– Impatto Emotivo sotto tono
– Nemesis campato in aria
– Nemici facilmente evitabili
– Narrazione incomprensibile essendo “in medias res”
– Doppiaggio piatto e privo d’emozione

Voto: 7


Diteci la vostra!

0 0

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami