Ciao a tutti FollowHz.
Salt and Sacrifice, in uscita il 10 maggio 2022 per PS4, PS5 e PC (tramite Epic Games) offrirà ai giocatori diverse novità per gli scontri PvP e coop. Il combattimento sarà molto più dinamico rispetto a Salt and Sanctuary, con nuove mosse e tanto altro da poter usare. Per i non amanti degli scontri PvP però ci sono buone notizie, gli sviluppatori hanno promesso che non sarà necessario ingaggiare gli scontri se non lo si desidera.

Salt and Sacrifice: l’ordine dell’inquisizione e le novità del PvP

In Salt and Sacrifice l’Inquisizione è un ordine antico e misterioso composto da condannati, ai quali è stata data l’occasione di servire nell’Inquisizione per compensare i loro crimini. Per numerose generazioni i condannati si sono sacrificati per epurare e perseguire senza sosta ogni manifestazione della magia nel regno, una forza capace di consumare tutti coloro che sono abbastanza sciocchi da studiarla, rendendoli incarnazioni viventi di un caos inestinguibile.

Questo ordine di Inquisitori sarà al centro di tutto in Salt and Sacrifice, ma come spesso accade anche nella realtà, dopo numerosi anni l’ordine ha subito delle fratture, creando scismi diversi e portando ad una divisione in diverse sette che lottano tra loro. Le sette scismatiche hanno letto obiettivi diversi negli antichi testi dell’Inquisizione, trovando la loro personale e giusta causa per spargere il sangue degli Inquisitori in nome di un bene superiore.

Salt and Sacrifice: un PvP più dinamico rispetto al predecessore

Personalmente non sapevo e non ho mai avuto l’occasione di provare il PvP e la coop su Salt and Sanctuary, ma da quel che ho visto le differenze con Salt and Sacrifice sono molto evidenti. Gli amanti del PvP avranno tra le mani un combattimento molto più dinamico grazie all’aggiunta dello sprint e degli attacchi in corsa, questi ultimi potranno essere usati per sbalzare in aria i nemici. Come in molti altri soulslike la gravità è da sempre considerata il “reale Boss finale” del gioco, portando i giocatori a numerose morti istantanee, quindi aggiungere attacchi del genere potrebbe portare a situazioni terrificanti in prossimità di burroni o altezze elevate che porterebbero inevitabilmente a morte certa.

Ma per fortuna il team di Salt and Sacrifice ha pensato a questo problema, gli Inquisitori potranno usare un rampino per annullare la caduta nell’oblio, a patto però che precipitino da delle sporgenze specifiche. Come per il precedente capitolo avremo anche qui diversi attacchi magici che prenderanno il nome di Arti runiche, delle potenti abilità impiegate dall’Inquisizione da usare a nostro vantaggio, fulmini con onde d’urto, sciami d’insetti, potenziamenti elementali e tempeste di lame spettrali saranno solo alcune di quelle che avremo a disposizione. Come sempre avremo anche attacchi a distanza e bombe alchemiche da poter alternare rapidamente con gli attacchi melee, punendo i nostri avversari dalla distanza.

Salt and Sacrifice: novità sul PvP e data d'uscita!

Di seguito le parole di James Silva, uno dei due membri del team Devoured Studios:

Mi chiamo James Silva e faccio parte del team di sviluppo di Salt and Sacrifice. Faccio tutta la parte artistica, l’animazione, il level design, così come un sacco di ingegneria, scrittura e audio design.

Quello che non faccio, almeno non bene, è il netcode, ed è qui che entra in gioco l’altra metà del team di sviluppo, Shane Lynch.

Negli ultimi due anni di lavoro forse inutilmente intenso, Shane e io abbiamo costruito il mondo che è la frontiera occidentale della valle di Ossenleigh, dove l’ascesa della magia ha trasformato gli insediamenti fiorenti in cumuli di cenere fumanti di caos senza legge.

E grazie a Shane, il regno di Salt and sacrifice sarà un luogo di avversari e cooperatori, dove scoppieranno battaglie frenetiche tra gli Inquisitori che servono diligentemente le loro sette, se ti va.


Dico “se ti va” perché sappiamo che un numero significativo di giocatori ha un interesse inferiore a zero per il PvP. È super divertente, ma certamente non è per tutti, e lo rispettiamo . Non dovrai impegnarti nel PvP se non lo desideri, e questa è una promessa.

James Silva, Devoured Studios

Salt and Sacrifice: diversi tipi di sette

Nel gioco potremo unirci a diverse sette diverse tra loro, alcune saranno più semplici e dirette come i membri della Blighttakers the Shroud Alliance, mentre altre saranno più complesse come i Blueheart Runners:

  • Blighttakers the Shroud Alliance: hanno interpretato le scritture dell’Inquisizione in modo troppo zelante e perseguono i loro obbiettivi uccidendo indiscriminatamente i compagni Inquisitori. Una setta sanguinaria votata alla violenza nei confronti degli altri inquisitori, poco importa che si tratti di compagni o meno. Questi individui credono che impartire sofferenze sempre maggiori li avvicini al divino rendendoli benedetti.

 

  • Blueheart Runners: questi Inquisitori ritengono uno spreco non utilizzare le molte opportunità offerte dalle loro nuove condizioni. Sempre alla ricerca del profitto, anche nelle più terribili circostanze, ruberanno materiali magici unici dalla frontiera, depredando e distruggendo le creature contaminate dalla foschia di chi invadono. In questo modo provocheranno nel mondo dell’invaso una scia di spaccature temporali che andranno a generare orribili mostri.

Salt and Sacrifice: novità sul PvP e data d'uscita!

Salt and Sacrifice sarà disponibile dal 10 maggio 2022 su PS4, PS5 e PC (tramite Epic Games), voi cosa ne pensate? Vi attira questo nuovo soulslike in 2D? Fateci sapere la vostra!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ricopia i numeri che vedi in basso *