Salve a tutti, cari FollowHz!

Oggi, vi recensirò The Innsmouth Case di RobotPunkin Games, pubblicato sempre dal famoso indie publisher Assemble Entertainment e che abbiamo visto insieme in live sul nostro canale Twitch.

The Innsmouth Case: Un’Avventura Testuale Oggi?!

Sembra incredibile sentir parlare ancora oggi di avventura testuale, ma The Innsmouth Case lo è, anche se non nel senso stretto che potremo immaginarci, poiché sarà impostato in stile librogame. Infatti, non ci sono solo scritte a cui rispondere da un oscuro terminale, bensì un vero e proprio libro da sfogliare in cui viene raccontata un giallo molto appassionante, divertente e ricco di apprezzabile ironia e di elementi lovecraftiani. L’unica cosa che dovremo limitarci a fare è intervenire facendo delle scelte che potranno cambiare parecchio la trama.

The Innsmouth Case: Un Giallo Intrigante

the innsmouth case

Come da titolo, dobbiamo risolvere un caso controllando un investigatore privato, ma non il migliore, poiché occupato, bensì un investigatore disordinato e imbranato, come la storia fa capire chiaramente fin dall’inizio. Lo verrà a trovare una donna, che ricorderà stranamente Crudelia Demon, non solo fisicamente, infatti, avrà un carattere molto acido e antipatico. Ci affiderà, dopo molti giri di parole, il suo caso, cioè quello di trovare la sua figlia scomparsa Thabita Marsh. Per farlo, dovremo girare proprio per le vie di Innsmouth, dove incontreremo più di 30 personaggi strani con uno stile grafico che sembra richiamare lo stile di Tim Burton ma che è totalmente animato, anche se in loop, in attesa di una vostra decisione.

The Innsmouth Case: L’Avventura Testuale Unica nel suo Genere

the innsmouth case

Il caso, quindi, dovremo risolverlo prestando molta attenzione a cosa leggiamo e alle scelte che facciamo nella prima avventura testuale unica nel suo genere, poiché riesce abilmente a mescolare elementi horror lovecraftiani ad un’ironia spesso pungente con ben 27 finali disponibili e tutta da giocare col mouse. Essendo inteso come una storia scritta in un libro, avremo una descrizione minuziosa non solo dei paesaggi ma anche della psiche dei vari personaggi, specialmente del protagonista, cosa che non capita spesso di vedere dentro un videogioco.

Ma non tutti i personaggi staranno dentro il libro che state leggendo, bensì potranno anche circondare l’intero libro con dei tentacoli, come fa un polipo gigante. Potremo, inoltre, viaggiare tra i capitoli, in modo da poter rifare alcune parti se non ci ricordiamo cos’è successo o per il gusto di cambiare le nostre scelte.

The Innsmouth Case: Un Grosso Lavoro di Design

Quindi, come potete ben intuire, The Innsmouth Case ha un grossissimo lavoro di design dietro, con una trama molto complessa, con tante scelte e personaggi tutti da conoscere. Sembra tutto molto bello, peccato che il suo stesso genere, più che altri giochi di diverso genere, ha bisogno di essere tradotto in più lingue possibili, perché sì, per ora è disponibile solo in inglese e in tedesco, quindi, per tutti coloro che non sono madrelingua o poco meno, il gioco risulta molto arduo da capire, come per ogni avventura testuale che vi venga in mente.

Perciò, per quanto sia buona l’idea, in un periodo videoludico simile dove si cerca di far interagire in più modi possibili per far sentire sempre il giocatore il protagonista dell’azione, la creazione di un gioco con le sembianze di un libro anche per cercare rilanciare oggi un genere come l’avventura testuale, di cui, purtroppo, ne rimangono solo pochi appassionati, in chiave moderna con uno stile d’animazione molto affascinante e con così tanti finali da alimentare la rigiocabilità e uno stile horror alla H.P. Lovecraft, potrebbe essere difficilmente popolare, soprattutto se non verrà tradotto in più lingue possibili il prima possibile.

E voi, cosa ne pensate? L’avete finito nonostante la profonda conoscenza linguistica inglese e tedesca che richiede? Ditecelo qua sotto!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ricopia i numeri che vedi in basso *