STORIE DEL CORVO PER KIM: RUDYARD KIPLING, RACCONTO DEL CREATORE DEL LIBRO DELLA GIUNGLA!

Benissimamente ben ritrovati FollowHz in una nuova puntata de “Le Storie del Corvo”! Sono passati più di quattro anni da quando la squadra di sviluppatori indie Secret Games Company ha pubblicato Kim, titolo RPG per PC ispirato all’omonimo romanzo avventuroso di Rudyard Kipling, romanziere famoso (tra le altre cose) per aver creato una delle figure più celebri della letteratura per ragazzi.

KIM

Il bambino orfano Mowgli cresciuto nella foresta dai lupi del Libro della Giungla, opera che nel corso del secolo XX ha visto numerosissime trasposizioni come il cartone Disney del 1967 (alzi la mano chi fra voi lettore non l’abbia visto da piccolo) da cui è stato tratto un gioco, chiamato The Jungle Book,  per SNES, PC e Game Boy nel 1994 e pubblicato nuovamente nel 2003 come remake per  Game Boy Advance (The Jungle Book 2, sviluppato da  Disney Interactive Studios) in occasione dell’uscita del sequel d’animazione  Il Libro della Giungla 2.        

Tiger In teh Jungle r 4619913 1920

La storia di quest’oggi parte dunque da questi due titoli e dalle opere narrative che li hanno ispirati per parlare dell’uomo che le ha create, Rudyard Kipling, un autore che, dalla seconda metà del XIX secolo, è stato in grado di colpire l’immaginazione di intere generazioni di lettori e aprire nuove strade in ambito narrativo a schiere di futuri maestri della narrativa avventurosa (fra tutti, Edgar Rice Burroughs, creatore di Tarzan, e Robert Ervin Howard, ideatore di Conan il Barbaro di cui già avevamo discusso qui).

STORIE DEL CORVO PER KIM: LA NASCITA DI KIPLING

Joseph Rudyard Kipling nacque a Bombay (all’epoca chiamata Mumbay), India, il 30 dicembre 1865 da John Lockwood Kipling, professore e studioso d’arte nonché curatore museale (quando si dice avere una certa predisposizione per l’arte in famiglia, n.d.a.), e Alice nata MacDonald, terzogenita di undici figli (7 donne e 4  maschi, del reverendo George Browne MacDonald, religioso di origini scozzesi appartenente alla Wesleyan Methodist Church, chiesa metodista non appartenente all’ anglicanesimo).

History guy british india picI suoi genitori scelsero di chiamarlo Rudyard su ispirazione del luogo dove si  incontrano nel 1863, il lago Rudyard nella contea di Staffordshire sulle cui rive sorge l’omonimo villaggio.

A Bombay, dove il padre si era trasferito per svolgere l’attività di docente presso il dipartimento di scultura e architettura della  Sir Jamsetjee Jeejebhoy School of Art and Industry (ad oggi la più antica scuola d’arte dell’India),

il piccolo Rudyard trascorse i primi, felicissimi, cinque anni della propria vita, godendo dell’affetto dei genitori (particolarmente della madre, l’allegra e vivace signora Alice) e della cura dei servitori indiani, con i quali ebbe modo di avvicinarsi alla cultura e alla lingua locale.

indian elephant 393694 1920

Come era allora usanza per i cittadini britannici residenti in India, all’età di sei anni venne mandato in Inghilterra dove visse presso una coppia di lontani parenti, il signore e la signora Holloway, rettori di un collegio o boarding school a Lorne Lodge indirizzo 4 Campbell Road, Southsea.

Ad accompagnarlo in questo viaggio fino alla cittadina di Southsea, vi era la sorellina Alice, sopranominata “Trix” di tre anni.

In forte contrasto con i radiosi anni della prima infanzia a Bombay, si aprì un periodo piuttosto cupo, fatti di dura disciplina e persino di maltrattamenti da parte della signora Holloway, che in seguito il Kipling adulto rievocherà nel racconto semiautobiografico “Bee Bee pecora nera”.  

E tuttavia anche questi anni cupi si intervallarono a momenti felici quando Rudyard  ebbe modo di far visita alla casa della zia materna Georgiana, sposata all’artista preraffaellita Edward Burne-Jones, un luogo magico dove poter sfuggire alla durezza del collegio degli Holloway.

Questi giorni cupi ebbero finalmente termine nel 1877, quando la madre Alice Kipling tornò in Inghilterra e portò via i figli dal collegio.

India Jungle nature 2705271 1920 1

L’anno seguente, nel 1878, Rudyard venne mandato a studiare allo United Service College di Westward Ho nella contea di  Devon.

A causa delle difficoltà finanziarie dei suoi genitori, Rudyard abbandonò il sogno di entrare a Oxford e, dopo essere ritornato in India nel 1882, prese impiego a Lahore (allora facente parte della colonia britannica dell’India) come assistente redattore in un quotidiano locale, il Civil & Military Gazette.

Durante il periodo di residenza a Lahore, Kipling scrisse più di trenta racconti per il Gazette a partire dal 1886, anno in cui vede la luce la raccolta di poesie “Departemental Duties and Other Verses”.

Nel 1887, Kipling venne assunto presso il più prestigioso quotidiano d’India, il  Pioneer, con sede presso la città di Allahabad.

Un anno dopo venne pubblicata a Calcutta la sua prima raccolta di racconti, Plain Tales from the Hills (in italiano “Racconti semplici delle colline”).

Durante gli anni di attività presso il giornale, Rudyard continuò a scrivere e pubblicò sei volumi di racconti tra cui “In bianco e nero”,  “Tre soldati” e “Il Risciò Fantasma”.

Pexel TigerTramite queste prime, importati prove in ambito letterario, rivelano già il talento narrativo del futuro premio nobel. Nel 1889 lasciò il giornale a causa di un deterioramento nei rapporti con le autorità. L’8 di marzo di quello stesso anno si trasferisce a Londra per fare il proprio ingresso nel mondo letterario britannico.

panther 448975 1920

 

 

 

 

 

Poco tempo dopo intraprende una serie di viaggi attraverso La California, la Thailandia, la Birmania, Hong Kong, il Giappone e nuovamente gli Stati Uniti, riprendendo a  scrivere articoli per il Pioneer poi pubblicati nella raccolta “From Sea to Sea and Other Sketches, Letters of Travel”.

Diversi furono gli avvenimenti che si susseguirono ne corso dei due anni successivi della sua vita.

Nel 1891 scrisse il suo primo romanzo, “The Light That Failed”, ed ebbe modo di incontrare uno scrittore e agente editoriale americano, Wolcott Baleister, con il quale  iniziò una collaborazione che culminò nella pubblicazione di un romanzo scritto a quattro mani, The Naulahka.

Quegli stessi anni furono anche funestati da problemi di salute, a cominciare da un  esaurimento nervoso.

Le sue condizioni peggiorarono tanto che i medici gli consigliarono di intraprendere viaggio per mare, che intraprese nel 1891 con l’intenzione di visitare ancora una volta il Sud Africa, l’Australia, la Nuova Zelanda e l’India.

landscape 4692446 1920

Tuttavia, i suoi piani furono interrotti a causa dell’improvvisa scomparsa di Wolcott Baleister  a causa di una febbre tifoide, e decise immediatamente di tornare a Londra.

Nel frattempo, scrisse una raccolta di racconti sull’India britannica chiamata Life’s Handicap che fu pubblicata a Londra nello stesso anno.

Prima di tornare a Londra, il buon Rudyard inviò un telegramma nel quale era scritta una proposta di matrimonio alla sorella dell’amico  Wolcott, Caroline (chiamata anche Carrie), con la quale aveva iniziato una relazione sentimentale.

Il 18 gennaio dell’anno 1892, Carrie e Rudyard si sposarono a Londra, la cerimonia si tenne presso la chiesa di All Souls, Langham Place.

(continua…)

kim

(Immagini tratte da: The History Guy , Juliezkoven0, eliasnahhas, StefaNonsense, Caahamedsha, Akumarphotos, Fotshot, Balajisrinivasan , .

Fonti testuali tratte da:

Rudyard_Kipling_A_BRIEF_BIOGRAPHY_and_CONTRIBUTIONS_TO_ENGLISH_LITERATURE

 

 

 

0 0 vote
Voto Articolo

Dicci la tua!

0 0
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x