Hey, listen! ★ Ciao cari FollowHz, qui è Zelda con un nuovo articolo interessante per voi.

Sono lieta di parlarvi di “Hong Kong Hustle“, piccolo gioiellino uscito per la casa Aristea a cura di Andrea Tupac Mollica, già autore di un primo volume sempre a tema chiamato “Golgota”.

Hong Kong Hustle inaugura una nuova collana, chiamata “Road To Dusk”, ambientati in epoche future e mondi climaticamente e socialmente completamente differenti da quelli attuali, ove l’umanità è in costante lotta per la sopravvivenza.

Trama Hong Kong Hustle

In una Hong Kong cyberpunk devastata dai cambiamenti climatici e sospesa fra antiche tradizioni e ultratecnologia, spaventosa miseria e lusso sfrenato, rassegnazione e rivalsa, Sheeran Crowe lancia la sua sfida digitale allo strapotere delle corp. Tu sei Sheeran Crowe: riuscirai a mettere in scacco la temuta Weilan -Tassier e a sopravvivere alla sua vendetta?

Come si gioca a Hong Kong Hustle?

Hong Kong Hustle è un librogame di 380 paragrafi dagli spunti facili e intuivi. I dadi da utilizzare sono due a sei facce che sfrutteremo per alcune azioni e conflitti incontrati durante il gioco. Se la somma dei dadi risulta uguale o inferiore a quella fornita nel libro, avremo superato il tiro.

Abilità e resistenza

Nella creazione del nostro personaggio disporremo di due abilità principali tra cui scegliere: Combattività e Volontà. La combattività ci da disponibilità fisiche e atletiche, mentre la seconda abilità sociali e mentali. Prima di startare l’avventura avrete a disposizione 15 punti da suddividere tra queste due abilità, con un minimo di 6 e un massimo di 9 per ciascuna. La terza abilità disponibile è la Resistenza, la quale indica i tuoi punti-ferita, che avrà un valore di 18 punti.

Competenze

Sheeran è un personaggio esperto in alcuni campi definiti Competenze ed avremo modo di sceglierne sino a due competenze in cui farlo eccellere, divise fra qualità in ambito Combattività e Volontà, ma solo se possiederemo la giusta quantità di esperienza potremo scegliere di aver un addestramento tattico, oppure ancora commerciare con i Bassifondi della città, ricevendo ad esempio sconti sugli acquisti.

Contatti

In una megalopoli come Hong Kong è essenziale avere dei contatti utili per la nostra sopravvivenza e come tale, saremo portati a scegliere se puntare sulla criminalità di strada (Sprawl) o su esperti di informatica (Tech).

Equipaggiamento

Il librogame ci fornirà alcuni equipaggiamenti basi tra i quali 2400 yuan, la moneta locale, un Baton Telescopio, un’arma efficace e discreta per il combattimento corpo a corpo interamente in titanio, un DLink, un dispositivo funzionante simile a uno smartphone e altri oggetti utili con i quali iniziare. Il sistema di combattimento è al contempo molto intuitivo, perlopiù in corpo a corpo e basato su un semplice sistema di danni e resistenze.

Hong Kong Hustle
Hong Kong Hustle

Che l’avventura abbia inizio!

A livello editoriale, il volume è un brossurato realizzato con cura e non lascia la classica piega sul dorso tanto odiata che spesso capita di trovare in altri libri simili. L’impaginazione interna del volume è facile da sfogliare, mentre le illustrazioni sono in bianco nero, ad esclusione della copertina esterna che è a colori.

Ho apprezzato molto l’introduzione che porta al giocatore a conoscere i dettagli di questa avventura e partire così in questo mondo futuristico.

La prima accortezza che si può notare di questo librogame è il richiamo ai classici volumi degli anni 80, i quali esaltavano in modo peculiare ed efficace sia il formato che la copertina della storia contenuta all’interno di esso. Il layout di copertina è opera di Alessandro Pedarra, mentre l’illustrazione e cover di Katerina richiamo efficacemente toni e colori tipici del mondo cyberpunk.

Le meccaniche di questo gioco sono principalmente scelte dai noi, correlate da enigmi logici e matematici da risolvere; regole semplici e soprattutto una storia che ti porta a viaggiare in un futuro che potrebbe rivelarsi un giorno veritiero.

Un aspetto interessante è la modalità di gioco ad achievement che aggiunge la possibilità di porsi ulteriori obbiettivi con diverse combinazioni e condizioni; riuscendo a sbloccarle tutte avrete la possibilità di chiedere ad Aristea ben due avventure extra legate ai personaggi.

Questa modalità permette un’alta rigiocabilità del titolo e soprattutto di poter assaporare nuovamente questa avventura. Consiglio di giocarlo almeno tre volte o più se doveste finire con il perdervi (come è accaduto alla sottoscritta la prima volta e non è stato carino), godendovi così anche differenti finali.

In sintesi, siamo di fronte ad un titolo dotato di un comparto narrativo curato in ogni singolo dettaglio, il cui autore è riuscito a caratterizzare in modo egregio sia il protagonista ma anche tutto ciò che rende vivo e credibile un mondo cyberpunk, rendendoci partecipi di questa avventura a tutto tondo.

E’ un librogame che consiglio non solo agli amanti del genere ma anche a chi vi si vuole avvicinare. Inutile dirvi che mi sia piaciuto avventurarmi tra le strade e vicoli caotici di Hong Kong ed esplorare il Nexus, forse un filo meno morire durante la prim run coff coff..

Ora sono curiosa di sapere cosa ne pensate voi cari followers; che dite, vi ho convinta a prendere Hong Kong Hustle?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ricopia i numeri che vedi in basso *