IL CREATORE DI ASSASSIN’S CREED HA FATTO LE PROPRIE SCUSE PER L’INTRODUZIONE DELLA “UBISOFT TOWER”!

Salve salvissimo FollowHz!

Come riporta Videogamer.com, recentemente il creatore della serie Assasin’s Creed Patrice Désilets, parlando ai microfoni di Destructoid.com ha voluto scusarsi per aver introdotto la “Ubisoft Tower”, ovvero la meccanica della scalata di edifici (il più delle volte torri, come facilmente deducibile dal nome), in modo da poter avere una maggiore visuale della mappa di gioco.

Ora come ora data per scontata, questa meccanica è stata introdotta proprio dal primo capitolo della saga dove l’indimenticabile Altaïr Ibn-La’Ahad saliva sopra palazzi e grandi costruzioni potendo così scoprire nuove missioni nascoste tra i meandri delle strade cittadine.

Questo elemento è stato il fiore all’occhiello di Assassin’s Creed così come degli episodi seguenti, e dato il contesto non poteva che essere così.
In virtù dei loro poteri sovrannaturali, gli Assassini sono in grado di individuare obbiettivi e punti di interesse, il tutto incorniciato dalle suggestive ambientazioni storiche.

Poi l’idea ha cominciato a far la sua comparsa anche altrove, come nel terzo e nel quarto capitolo di Far Cry, con le torri in grado di sbloccare aree delle mappe di gioco.

Ora come ora data per scontata, questa meccanica è stata introdotta proprio dal primo capitolo della saga dove l’indimenticabile Altaïr Ibn-La’Ahad saliva sopra palazzi e grandi costruzioni potendo così scoprire nuove missioni nascoste tra i meandri delle strade cittadine.


Questo elemento è stato il fiore all’occhiello di Assassin’s Creed così come degli episodi seguenti, e dato il contesto non poteva che essere così.
In virtù dei loro poteri sovrannaturali, gli Assassini sono in grado di individuare obbiettivi e punti di interesse, il tutto incorniciato dalle suggestive ambientazioni storiche.

Poi l’idea ha cominciato a far la sua comparsa anche altrove, come nel terzo e nel quarto capitolo di Far Cry, con le torri in grado di sbloccare aree delle mappe di gioco, e poi ancora in Infamous: Second Son, Dying Light e Zelda: Breath of The Wild, giusto per riportare gli esempi più famosi.

A tal proposito, ecco cosa Désilets ha dichiarato in proposito durante la chiacchierata con i colleghi di Destuctiod.com, “Breath of the Wild, wow! Un gioco dove puoi fare tutto, una volta che hai concluso la prima mezz’ora di partita. Ora, salire sopra dele torri e svelare il resto della mappa… Scusate, è colpa mia…”
Dopo aver lasciato Ubisoft nel 2013, Désilets ha creato il suo progetto indipendente, Panache Digital Games.

Titolo di debutto del nuovo studio è stato Ancestors: The Humankind Odyssey, survival open world tutto incentrato su api, uccelli, tigri dai denti a sciabola, coccodrilli preistorici e scimmie da condurre attraverso la strada gloriosa dell’evoluzione.


Se considerate una meccanica del genere la migliore scoperta dai tempi della ruota , dell’energia dell’atomo o del formaggio con le pere, fatecelo sapere nei commenti, o lettori carissimi!

(Immagini tratte da Videogamer.com, Destructoid.comKaliBoyinPDX ).

0 0 vote
Article Rating

Dicci la tua!

0 0
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x