Salve a tutti, cari FollowHz!

Ieri, sul nostro canale Twitch, abbiamo visto l’interessante State of Play dedicato ad Hogwarts Legacy realizzato da Avalanche Software: il tanto atteso action RPG ambientato nel mondo magico del 1800 si è finalmente mostrato in tutto il suo splendore. Di seguito, un riassunto dell’evento condito con le mie opinioni personali.

Hogwarts Legacy: il gioco magico che aspettavamo?

hogwarts legacy

Nello State of Play, sono stati mostrati ben quindici minuti di gameplay, e ciò che si è visto è a dir poco incredibile: per quanto la grafica non sia realistica (e parliamo ancora di un gioco in sviluppo), secondo me, è addirittura fin troppo alta considerando la vastità dei mondi da poter visitare e le possibilità di gioco che offre Hogwarts Legacy.

La trama: Il gioco riprende i (pochi) pregi che avevano i primi videogiochi di Harry Potter, migliorandolo sia dal punto di vista delle meccaniche sia ampliando il mondo di gioco: in primis, come ogni rpg che si rispetti, dovremo creare il nostro personaggio avendo a disposizione diverse skin tra cui scegliere; dopodiché, saremo catapultati ad Hogwarts ed il cappello, con la nostra influenza, sceglierà la casata di cui faremo parte.

Qualsiasi sia la nostra personalizzazione, comunque, cominceremo Hogwarts Legacy dal quinto anno, probabilmente per avere lo studente più maturo possibile per affrontare i pericoli più grandi. Dovremo, quindi, imparare le magie più avanzate e potremo visitare sia luoghi celebri che abbiamo conosciuto nei libri e film, compresa l’iconica Stanza delle Necessità, che scopriremo sarà fondamentale durante il corso della storia, sia ambienti totalmente nuovi. Inoltre, avremo anche diversi riferimenti sia alla saga di Harry Potter che alla saga di Animali Fantastici.

Gameplay: In questo magico mondo, avremo parecchia libertà, sebbene ci sia una trama che ci porterà ad un boss finale da sconfiggere: potremo perlustrare Hogwarts persino nella sezione proibita, frequentare le lezioni (alcune obbligatorie, altre opzionali) e fare amicizia con qualsiasi studente e creature magica che vorremo in un luogo molto vivo con personaggi che sembra saranno in grado di reagire al nostro comportamento in modo abbastanza realistico, come toglierci punti alla casata se ci beccheranno nella sezione proibita. Il trailer, addirittura, ha fatto anche intuire che non sarà obbligatorio essere un mago buono.

Il nostro personaggio dovrà essere potenziato sia frequentando le lezioni che compiendo diversi obiettivi di gioco. Le magie sono molto belle da vedere e divertenti da praticare, sia per diletto che per difesa, contro nemici di ogni tipo dai goblin ribelli ai troll ai maghi oscuri con specifiche debolezze a certi elementi e certi tipi di magia.

Ma la magia non sarà l’unica nostra arma a disposizione, infatti, il trailer pone l’attenzione su un’impensabile arma molto efficace del mondo magico: la fastidiosissima Mandragola. Potremo persino volare sopra ippogrifi e volare su scopa, quest’ultimo già odiato da me nei vecchi giochi di Harry Potter: qui, oltre a sembrare più semplice, non sembra obbligatorio, ma solo necessario per raggiungere più in fretta dei luoghi lontani.

Il gioco uscirà nell’inverno di quest’anno, per tutte le console (PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X/S e Nintendo Switch). 

Hogwarts Legacy: Conclusioni

Il trailer di Hogwarts Legacy mi ha davvero convinto, come raramente capita in questi tempi, a credere che questo sarà davvero il miglior gioco sul mondo magico della storia, considerando soprattutto il fatto che il gioco mi sta bene già così e invece sarà ancora migliorato.

Di seguito, il trailer:

E a voi, ha convinto il trailer? Diteci qua sotto quanto aspettate il gioco!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ricopia i numeri che vedi in basso *