Cari FollowHz,

Population One, nuovo titolo sviluppato da BigBox VR, rilasciato ieri su Oculus Quest e Rift e porterà il concetto di battle royale a tutto un altro livello.

population one

Population One: il combattimento verticale

Population One, grazie alle infinite possibilità date dai dispositivi Oculus, ha sviluppato un modo di combattere totalmente nuovo.
La mappa di un solo chilometro quadrato è completamente “calpestabile” anche in altezza, infatti i giocatori che si sfideranno all’interno di questa arena dovranno sfruttare il paesaggio futuristico messo a loro disposizione per surclassare gli avversari.
I giocatori potranno: volare, scalare, costruire e tutto questo ovunque vogliano, ogni partita sarà diversa dalla precedente e potrete scegliere tra diversi approcci: potete buttarvi nella mischia e fare da “one man army” oppure appollaiati in un punto sopraelevato per avere una visione d’insieme.

population one

Population One: la partita

In Population One la partita si svolge in questa arena relativamente piccola rispetto ad altri battle royale, solo 1 chilometro quadrato, ma sono solo 18 i giocatori con cui vedersela quindi, in una mappa relativamente piccola, con così poca gente si ha comunque un primo momento per equipaggiarsi e orientarsi.

Population One inoltre supporta cross-play e cross-buy, in questo modo i possessori sia di Quest che di Rift possono incontrarsi.

Come in tutti i battle royale moderni si viene buttati sopra la mappa da soli o in compagnia, infatti potrete creare squadre insieme ad amici o altri appassionati del genere e buttarvi nella mischia surclassando gli altri team.

population one

Population One: eventi e patch

BigBox VR ha intenzione di mantenere aggiornato Population One con update gratuiti che includeranno: funzionalità, modalità, armi, modifiche alla mappa ed eventi in-game; come già accennato in un altro articolo la realtà virtuale e gli eventi in-game creano un’infinità di possibilità e porta ad avvicinare mondo reale e mondo virtuale sempre di più.

Un esempio di come questi due mondi si sono scontrati con successo sono i vari eventi musicali e cinematografici fatti all’interno di Fortnite, avendo in più un VR addosso si potrebbe assottigliare ancora di più il confine che divide i due mondi.

population one

Population One: la rivoluzione

Population One ha unito efficacemente due modalità di giocare molto bene e le ha perfezionate per il VR, ha fuso un FPS Arena con un Battle Royale, potrebbe essere un nuovo genere e i giochi che mi fa venire in mente guardando il trailer sono: Quake Arena, Fortnite e Tribes: Ascend fusi alla perfezione.

Come avrete ormai capito questo gioco mi fa letteralmente uscire di testa e secondo me è fenomenale.
Come altri titoli simili avrà agli albori dei problemi e difficoltà a farsi strada, specialmente puntando ad una nicchia ristretta di persone, ma se riuscisse ad emergere potrebbe diventare un gioco in realtà virtuale competitivo, e un torneo e-Sports con un titolo in VR sarebbe eccezionale.

population one

Dobbiamo però tornare oggettivi, perché effettivamente una mappa di un chilometro quadrato appena mi sembra un po’ piccola, tutto questo potrebbe rallentare il gioco e renderlo monotono portando i giocatori a posizionarsi nei soliti posti da cui puoi vedere tutta la mappa, sempre facendo un paragone con un gioco conosciuto da tutti, Fortnite ha una mappa sopra i 5 chilometri quadrati.

Una scelta vincente, cosa che se non erro nessun battle royale ha fatto, è riuscire a portare più mappe su cui scontrarsi in modo da avere partite ancora più diversificate e coinvolgenti sul lungo periodo.

In sintesi, questo nuovo gioco per Oculus Quest e Oculus Rift potrebbe dare il via a un nuovo modo di giocare e tutto questo con un titolo frenetico ed esplosivo.

Cosa ne pensate?

Potrebbe essere la svolta nel campo VR?

Comprereste un Oculus per questi titoli?

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ricopia i numeri che vedi in basso *