Home » Attività » STORIE DEL CORVO: VIAGGIO IN OCCIDENTE, IL ROMANZO CHE HA ISPIRATO DRAGONBALL! (QUINTA PARTE)

STORIE DEL CORVO: VIAGGIO IN OCCIDENTE, IL ROMANZO CHE HA ISPIRATO DRAGONBALL! (QUINTA PARTE)

Benvenuti cari FollowHz in questo nuovo appuntamento delle “Le Storie Del Corvo”!

Nella puntata precedente il buon Re Scimmiotto aveva ripreso la sua ricerca degli eccelsi esseri custodi del segreto dell’immortalità, giungendo finalmente all’ingresso della dimora del grande maestro Subhuti.

(Immagine tratta da Hablemosdemitologias.com).

Dopo essersi imbattuto in un giovanissimo discepolo del venerabile saggio, il re scimmia viene guidato da questi al cospetto di Subhuti (il quale, proprio la mattina di quel giorno, aveva predetto l’arrivo dello scimmiotto) essere di incomparabile splendore fisico spirituale, capace delle tre concentrazioni, maestro di legge, meraviglia d’occidente oltre i misteri della nascita e della morte!

 

(Immagina tratta da Hablemosdemitologias.com).


La sua natura, liberamente vuota e cangiante, può ogni cosa.
Sommo Signore Illuminato!

(Immagine tratta da CCTV电视剧).

Quando fu giunto al Suo cospetto, l’affascinante re scimmia, si prosternò battendo la terrà con la fronte moltissime volte, ripetendo queste parole: “Maestro, maestro! Il tuo discepolo ti rende i suoi migliori e più sinceri omaggi!”

“Da dove vieni?” Chiese il sommo Subhuti, “Devi dirmi il tuo nome, cognome e luogo di provenienza. Solo allora considererò di accettarti come mio pupillo.”


“Io, tuo umile discepolo” disse Il re scimmia “ provengo dal luogo noto come Sipario d’Acqua presso la Montagna dei Fiori e dei Frutti nella terra di Aolai del continente orientale”.


“Sbattetelo fuori di qui”, tuonò l’eccelso Subhuti “Questi è un bugiardo e un imbroglione, in quale maniera potrebbe mai conseguire il Tao?”
Il re scimmia continuò a picchiare la fronte contro il suolo replicando disperatamente: “Il tuo discepolo è onesto e privo di malizia. Giuro che la mia bocca non proferisce menzogna!”


“Se ti dici onesto” disse il venerabile, “come puoi affermare di provenire dal continente orientale? Tra quella terra e questo luogo vi sono due vasti oceani e il continente Jambu del Sud.

Con quale coraggio affermi di aver percorso tutta questa distanza?”

“Ho navigato attraverso quei vasti oceani”, rispose sempre prosternato il re scimmia “e viaggiato per 10 anni lungo le strade del continente Jambu prima di giungere fin qui”.

“D’accordo, ammettiamo pure che tu abbia fatto questo viaggio con le tappe dovute e mettendoci il tempo necessario.

Quale è il tuo carattere?”

“Non ho carattere, maestro” disse lo scimmiotto, “Se mi offendono, io non mi arrabbio. Se mi picchiano, non reagisco, cortesemente saluto e vado via.”

“Non a questo tipo di carattere mi riferivo, ma a quello che indica il tuo nome e quello dei tuoi genitori.”

“Non ho genitori, maestro”, rispose sempre ossequioso il re scimmia.

“Dunque sei forse spuntato fuori e cresciuto da un albero?”


“Non da un albero, o venerabile maestro, ma da un masso di pietra”, disse lo scimmiotto, “tutto quello che riesco a ricordare è che vi era una grossa pietra magica sulla cima della Montagna dei Fiori e dei Frutti e, come fosse un uovo con dentro un pulcino, un giorno si è spaccata e ne son venuto fuori io”.

(Immagine tratta da Ukiyo-e.org).

Nascondendo l’allegria dentro di sé, il patriarca disse: “In altre parole, sono stati il cielo e la terra a concepirti. Alzati in piedi e mostrami un po’ il modo in cui ti muovi”.

Il re scimmia fece come gli venne ordinato, saltellando per qualche tratto, stiracchiandosi da qui e lì, e camminando nella sua tipica andatura da primate.

(Immagine tratta da Deviantart.com/ghostexorcist).

Il patriarca rise alla vista dei movimenti dello scimmiotto e dichiarò: “A giudicare dall’aspetto del tuo grossolano corpo, direi che tu assomigli moltissimo a un macaco mangia pinoli, quindi troverò un nome che si adatti alla tua persona.


Pensavo di chiamarti Hu, che appunto vuol dire macaco, carattere formato dai segni che stanno per ‘animale’, ‘antico’ e ‘luna’.

Questi ultimi due insieme danno il significato di ‘donna vecchia’, poiché antico è il vecchio e la Luna è l’elemento femmineo per eccellenza.


Tuttavia una donna vecchia non può procreare, e quindi un nome del genere non sarebbe di buon auspicio per il tuo apprendistato.

Meglio usare il nome ‘Sun’ che vuol dire ‘scimmia’.

Tolto il radicale degli animali da questo carattere, rimangono i segni che indicano da una parte l’idea di ragazzo e dall’altra suggerisce il concetto di cordone.

Unite insieme, queste due idee descrivono perfettamente le teorie fondamentali sul fanciullo androgino.

Per tale ragione verrai chiamato Sun.”

Compiaciuto per le parole del patriarca, l’affascinante re scimmia fece attò di omaggi prostrandosi a terra molte per poi dire:


“Grandioso! Stupendo! Quest’oggi ho finalmente conosciuto il mio cognome e sono eternamente grato a te per la tua misericordia e compassione, maestro.

Ti prego di concedermi un nome personale così che sia più semplice potermi chiamare adeguatamente.”

“Abbiamo dodici caratteri all’interno della mia comunità”, disse il patriarca, “da cui poter scegliere i nomi e tu appartieni alla decima generazione dei miei discepoli”.

“Quali sono questi dodici caratteri?”

“Sono largo, grande, saggezza, intelligenza, vero, conforme, natura, mare, luminoso, risvegliato, completo e illuminato.

Dunque, ti prenderai come nome una parola con il termine Wu, ‘risvegliato’ e ‘consapevole’.

Perciò ti do il nome dharmico di ‘Wukong’ che significa ‘scimmia consapevole della vacuità’.”

“Meraviglioso! Splendido! D’ora in poi sarò conosciuto come Sūn Wùkōng”, sclamo con un riso di gioia.

Come il re scimmia ricevette il suo nome, momento che coincise anche con l’inizio del suo periodo di noviziato presso la comunità del maestro Subhuti!

(Continua…)


(Immagine tratta da CCTV电视剧).

 


Dicci la tua!

0 0

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami