Home » Notizie » PER LA RUBRICA “CINEMA DA GAMEHZ”: PRINCE OF PERSIA LE SABBIE DEL TEMPO

PER LA RUBRICA “CINEMA DA GAMEHZ”: PRINCE OF PERSIA LE SABBIE DEL TEMPO

Salve a tutti cari followHz,
oggi per la rubrica “Cinema da GameHz” vi propongo un titolo del 2010: “Prince of Persia: Le sabbie del tempo”, tratto dall’omonimo gioco di Ubisoft, pubblicato nel 2003.


Eccovi un accenno della trama:
Nella Persia del sesto secolo, il principe Dastan deve impedire a un nobile malvagio di impossessarsi delle sabbie del tempo, un dono degli dei che può influenzare lo scorrere del tempo e permette a chi lo possiede di dominare il mondo.

Ricordo di aver giocato il titolo con diversi anni di ritardo e, ricordo anche che impiegai diverso tempo per portarlo a termine ma allo stesso tempo mi fu d’aiuto quando entrai in sala a vedere il film.
E’ ovvio cari followHz, che trattandosi della trasposizione di un videogioco, le aspettative erano elevate, un po’ come quando (fatte le debite proporzioni) si guarda un film tratto da un libro.

Ma non vi è rubrica senza un pizzico di curiosità:

I diritti del videogioco Le Sabbie del tempo sono stati acquisiti dallo studio cinematografico Jerry Bruckheimer Films nel marzo 2004, in collaborazione con la Walt Disney Pictures per la distribuzione cinematografica. Pochi mesi dopo l’inizio del progetto, sono stati assunti John August come produttore esecutivo, e l’ideatore della serie Jordan Mechner come sceneggiatore.

Nel febbraio 2006, la Walt Disney ha incaricato Jeffrey Nachmanoff di riscrivere la sceneggiatura. A metà 2007, sempre la Disney ha programmato provvisoriamente di distribuire il film nel giugno 2009, nell’attesa di partire con la pre-produzione. Prima della messa in cantiere del film sono circolati rumors secondo i quali la regia dell’adattamento sarebbe stata affida a Michael Bay che avrebbe lavorato con Newell. La videogamemaker Ubisoft stava aspettando l’uscita del film per rimettere in sesto il suo bilancio.
Inizialmente l’adattamento del film sarebbe stato affidato a Michael Bay, ma la Disney pochi giorni dopo lo ha sostituito con Mike Newell (Harry Potter e il calice di fuoco). Secondo alcune indiscrezioni Bay avrebbe deciso di lavorare al sequel di Transformers e per questo la produzione l’avrebbe sostituito. In una intervista, Newell ha parlato del film:

È una grande storia. Se non avessi letto la sceneggiatura non avrei mai pensato che si trattasse di un adattamento da videogioco. È una storia immensamente emozionante e romantica, quasi come Lost Horizon. Mi ha preso molto, detto sinceramente

Per la parte del protagonista la produzione pensò al coinvolgimento del Principe David Zandi, un nobile attore persiano, e di Orlando Bloom. Il 20 maggio Jake Gyllenhaal salito alla ribalta con Donnie Darko (doppiato nella versione italiana da Stefano Crescentini) viene confermato nel colossal nel ruolo del protagonista (Dastan); contemporaneamente alla partecipazione di Gyllenhaal è stata confermata anche Gemma Arterton (a cui per l’occasione presta la voce Federica De Bortoli) che i più attenti ricorderanno in pellicole quali “I Love Radio Rock” e “Scontro tra Titani” (solo per citarne un paio)   nella parte di Tamina. Il 3 giugno vengono confermati anche Alfred Molina nel ruolo dello Sceicco Amar (sua maestà Roberto Pedicini) e Ben Kingsley, il cui ruolo è stato confermato successivamente, nella parte di Nizam (Stefano De Sando).
Permettetemi per un attimo di tornare al videogame (che per inciso ho giocato arrabbiandomi non poco), molte volte all’interno di questa rubrica associando i due prodotti, faccio notare che il film si discosta di molto dalla versione videoludica, mentre in questo caso mi sento di dire (senza timore di smentita) che il prodotto cinematografico e quello videoludico camminano quasi mano nella mano sia nella trama, sia nella caratterizzazione fisica dei personaggi (almeno per quanto riguarda Dastan).
La domanda che però tutti vi state ponendo è: lo consigli? Si, lo consiglio perchè intanto come ho detto, la trama di gioco e quella del film sembrano viaggiare sulla medesima lunghezza d’onda, poi alcune scene del film hanno una fotografia e degli effetti speciali resi in maniera tale da ricordare in alcune sequenze il gameplay e poi in ultima analisi, pima di sedervi in poltrona e godervi questo spettacolo tutto d’un fiato fate una sosta ai servizi igienici per evitare che vi accada quanto è successo a me!

 


Have your say!

2 0

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami