EA PUNTA AD ESPANDERE IL PROGRAMMA DI SVILUPPO INDIE

Salve a tutti cari followHz,
ci si chiedeva perchè EA avesse lanciato Originals,

presto detto: per migliorare la cattiva reputazione di EA. Il vicepresidente esecutivo Matt Bilbey ha svelato di voler ampliare ulteriormente il programma di supporto agli sviluppatori indie più talentuosi.
Dopo vaver esordito in questomodo:

“Faccio parte di EA da 25 anni e continuo a lottare contro la percezione esterna che siamo solo un gruppo di persone cattive”

sottolineando che:

“adoriamo creare videogiochi, ma sfortunatamente quando commettiamo degli errori, tutto il mondo lo viene a sapere per via delle nostre dimensioni e di quelle dei nostri giochi”.

In una intervista Bilbey spiega che:

“il programma EA Originals è recentemente aumentato in virtù della qualità e delle opportunità offerte dalla scena indipendente. Ma se guardiamo avanti e ci proiettamo idealmente ai prossimi uno o due anni, potremmo veder crescere ulteriormente la nostra offerta”.

e aggiunge:

“Ciò che è importante per noi è che ogni gioco supportato sia supervisionato attentamente da un produttore di Electronic Arts, che agisce come ‘tentacolo’ di EA”

per poi concludere:

“non vogliamo arrivare al punto in cui un produttore debba essere costretto a prendersi cura di 10 o 15 team di sviluppo diversi, perché è lì che perderemmo il senso e la vera unicità di ciò che è EA Originals”.

Ovviamente anche gli altri colossi si sono mossi strizzando l’occhio al panorama indie, basti citare in tal senso gli sforzi profusi da Nintendo per fare dell’eShop di Nintendo Switch il trampolino di lancio di tantissimi progetti di questo genere. Non meno importanti risultano poi i  lavori di casa Microsoft atti ad arricchire il panorama delle scelte sul catalogo dell’ XBox Game Pass con decine di videogiochi indipendenti supportati dal programma ID@Xbox.Ma anche Sony sta compiendo i suoi passi, preferendo però andare nella direzione opposta scegliendo di costruire il futuro della PlayStation 5 basandosi sull’uscita di grossi titoli destinati ad un pubblico “hardcore” il tutto, attraverso delle partnership con gli editori, i produttori e gli sviluppatori più affermati dell’industria, basti citare in tal senso l’esclusiva PS4 su Death Stranding di Hideo Kojima.

Mi chiedo: questi tre colossi dell’industria videoludica, hanno sempre lavorato in modo da risultare al pubblico l’una migliore dell’altra garantendo quasi sempre dei prodotti di ottima qualità, ora perchè in due (Microsoft e Nintendo) scelgono di correre in una direzione opposta alla terza (Sony).
Tornando ad EA,  a mio avviso con le parole di Bilbey sembra voler passare da vittima delle circostanze, saròance un cospirazionista ma, a me sembra una mossa commerciale.

0 0 vote
Article Rating

Dicci la tua!

2 0
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x