WEL: PESSIME NOTIZIE PER GLI ISCRITTI

Salve a tutti cari followHz,


sembra essere arrivata a conclusione la triste, in senso sportivo, vicenda che ha coinvolto centinaia di videogiocatori italiani e internazionali. Lo staff della World Esports League, competizione le cui finali si sarebbero dovute disputare proprio in questi giorni, tra 11 e 13 ottobre, ha inviato e sta inviando in queste ore le comunicazioni ai finalisti del torneo che l’evento è ufficialmente annullato per non meglio precisati “problemi organizzativi”.
“Non meglio precisati”? cari followHz, non so voi ma non mi suona benissimo, non voglio creare polemiche inutili e lungi da me mettervi la pulce nell’orecchio ma, credo che qualcuno sia (come si suol dire in questi casi) “scappato col bottino”.
Su invito degli organizzatori, ogni finalista è invitato a contattare l’organizzazione tramite mail per avere il supporto necessario per iniziare le pratiche di rimborso. Non è però chiaro se tale rimborso sarà effettuato per tutti i giocatori iscritti, più di 1.500, oppure solo per coloro che dopo le qualifiche online avevano conquistato l’accesso alla fase finale.
Cari followHz, qui c’è un ulteriore, piccolo (leggasi immenso) intoppo: si è appena detto che non si sa se verranno rimborsati tutti gli iscritti, ebbene, credo di parlare a nome di tutto lo staff se dico che se fossi uno degli iscritti, pretenderei il rimborso totale della somma versata in ogni caso, sia io finalista o meno.
La WEL si sarebbe dovuta disputare originariamente il 24 maggio 2019 a Capri con un montepremi annunciato in fase di presentazione di 1 Milione di euro, poi diventato di soli 250.000 € nelle fasi successive di “evoluzione” del torneo. Anche in quell’occasione per alcune problematiche organizzative gli attori dietro la WEL decisero di spostare la data e la sede della competizione: a Roma l’11 e 13 ottobre.
Ed ecco che ritornano i problemi organizzativi che io a questo punto mi spiego in un solo modo:chi ha organizzato il torneo, immaginava magari di fare una cosa in grande stile, e non c’è niente di male in questo, quando si progetta qualcosa credo sia necessario ragionare in grande ma, è altrettanto normale fare qualche passo indietro se ci si rende conto di non soddisfare le promesse fatte perchè poi le persone iniziano a pensare male (come personalmente sto facendo).
In tal senso mi riferisco all’iniziale montepremi messo in palio che, ricordiamo essere stato fissatro ad un milione di euro, salvo poi passare a 250 mila euro in un secondo momento… c’è un buco di 750 mila euro, che fine hanno fatto?
Per finire, come abbiamo detto gli organizzatori hanno spedito una mail agli iscritti che vi incollo di seguito.

0 0 vote
Article Rating

Dicci la tua!

0 0
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x