Playstation 5 Conference – 11 Giugno 2020: 360° Edition

Bentornati cari FollowHz,

State pronti per esplorare l’ignoto!!!

La Playstation 5 si è finalmente mostrata nella sua forma integrale, e tra trailer, sorprese ed Easter Egg ha dato origine ad un evento esplosivo, che dal mio punto di vista si pone come chiave di lettura per le future conferenze, facendo comprendere potenzialità e limiti della Next-Gen. Un lavoro molto complesso, dato sopratutto il periodo appena passato e la tipologia di eventi che potremmo vedere nel prossimo futuro.

Oggi però non voglio soffermare la mia attenzione solo sui giochi presentati, o condurre un freddo e distaccato riassunto. Piuttosto ho intenzione di presentare un’osservazione a 360°, che punta a coprire ogni aspetto che ha interessato e interessa tutt’ora la Conferenza Playstation 5.

Non si parla solo del mondo dello sviluppo, ma anche di voi fan, che tra meme e sondaggi vi state scatenando sul Web. Raggruppiamo tutti contenuti fin’ora divulgati e comprendiamo fin dove si è spinta Sony e quali limiti è riuscita a devastare.

Playstation 5

Hardware… o caffettiera?

Playstation 5

Una delle più grandi sorprese e da cui direi di iniziare è stata sicuramente la forma della console, che è stata pian piano lasciata intendere per poi mostrarla apertamente sul finale dell’evento. Ovviamente il tutto è stato portato sulle lunghe, mettendo prima in mostra la potenza poligonale della console, per poi rivelarne la forma tondeggiante. Il mio parare sulla forma la dipinge come una piattaforma dall’aspetto futuristico ma forse poco ergonomica.


In ogni caso i meme sul web si sono scatenati con incredibile velocità, spaziando da caffettiere a torri di Sauron, fino a modificare router casalinghi ed esseri umani, arrivando a trasformale la console nella papalina del Papa. In ogni caso la scelta di optare per una forma tondeggiante si ricollega con quella di Xbox Series X, divenendo però molto più stilosa e robotica, in stile Detroit Become Human.

Pareri della Redazione

Playstation 5

Dato che la redazione di 4Gamehz ha seguito tutto l’evento in diretta sul nostro canale Twitch ufficiale, ecco a voi un bell’insieme di pareri da parte dei membri del nostro Team, che oggettivamente si apprestano a commentare l’evento, soffermadosi sui suoi punti peculiari:


videogiocatoredifrontiera (Matteo Calvano): Il mio parere nasce da una considerazione ben precisa, ovvero il dover porre dei limiti e delle potenzialità della next-gen, offrendo una chiave di lettura che può essere apprezzata o meno. La conferenza PS5 si è mossa proprio in direzione di questo obiettivo, riuscendoci pienamente. Il lavoro degli sviluppatori viene esaltato e messo in primo piano all’interno di questa entusiasmante diretta, mostrando fin dove le prime battute di prossima generazione possono spingersi, su che livelli si attesterà il primo anno di vita della console.


The Director (Massimiliano): Ieri abbiamo assistito a qualcosa di davvero interessante, in quanto Sony ha deciso di mostrare i denti e lo ha fatto in maniera massiccia. L’idea di rispolverare vecchie IP è stata una trovata geniale in quanto ha rifidelizzato gli utenti che pensavano di lasciare il mondo Playstation per vertere verso altri competitor. Show veloce e ben fatto che finalmente ha lasciato spazio ai giochi e anche ai diversi studi, tra cui l’universo indie come dimostrato da Annapurna Interactive, che simpaticamente definisco il “discount” di Sony. Speriamo in molte più IP originali, avendone viste alcune durante la diretta. Per quanto riguarda invece la sorpresa di mostrare la PS5 è stata una bella trovata, così come fecero per PS3, e nonostante tutti si siano concentrati solo sul design il grosso sarà rappresentato da quali componenti potrebbe montare. Potevano fare molto di più sicuramente e per ora bisogna solo aspettare per futuri aggiornamenti.


AkiraGaming_85: Graficamente bella ma i soli contenuti interessanti erano quelli delle case indie e sinceramente invece di scavare nel fondo del barile potevano darci di più. Tutti progetti indubbiamente interessanti, solo c’era bisogno di carne fresca al fuoco, invece di andare a prendere e mostrare progetti di cui non si sentiva parlare da tempo.

Il Post-Show

Playstation 5

Una delle parti più interessanti di eventi come questo è seguire tutti gli sviluppi successivi alla pubblicazione della conferenza. Infatti possiamo spaziare su vari ambiti, dai più realistici ed intriganti, come ad esempio il videomessaggio dei creatori del tanto amato Resident Evil VILLAGE, che lascia presagire la creazione di un survival horror veramente appassionante, fino ad arrivare a dichiarazioni assurde come l’ipotesi che tutti i presentatori della diretta siano stati dei modelli CGI.


Tra false dichiarazioni e parole di troppo, risalta però un commento molto divertente, pubblicato da Aaron Greenberg, che in maniera totalmente mainstream cerca di ribadire la potenza di Xbox Series X. Infatti le sue parole si sono prima soffermate sui complimenti nei confronti di Sony Playstation, per poi rimarcare che le produzioni multipiattaforma presentate giraranno a livelli mastodontici sulla piattaforma di Microsoft, definita come “La Più Potente del Mondo”.

Spider-Man Miles Morales

Playstation 5

Partiamo dunque con l’analisi di alcune delle produzioni presentate, introducendo il tutto con Spider-Man Miles Morales, un’espansione figlia dell’opera supereroistica di Insomniac Games, che però potrebbe puntare verso una propria anima unica ed inimitabile. Di sicuro il titolo potrà donare nuova solfa agli amanti della Marvel, ma non credo che possa ambire a grandi migliorie rispetto a Marvel’s Spider-Man.


Dunque saremo pronti a tornare a New York con il nostro nuovo protagonista, con uno spin-off che vive sul filo del rasoio. Per ora non sappiamo se sarà un DLC, una remastered del primo con annessa espansione o cos’altro, ma io opterei in una direzione già battuta da Sucker Punch, come successo con Infamous Second Son ed Infamous Last Light.

Gran Turismo 7

Playstation 5

Il futuro dei giochi automobilistici si mostra apertamente con Gran Turismo 7, che punta verso un roseo passato. Sfruttando modalità e stile dei menù ricalcati dai primi capitoli della saga, questa nuova simulazione automobilistica rappresenta uno dei punti più alti dell’intera conferenza, che pone le basi per lo sviluppo di ulteriori prodotti del genere.


Tra le tante scene mostrate abbiamo potuto ottenere un assaggio delle 24 ore di Le Mans, pronte a tornare con spumeggiante meraviglia. Inoltre durante le brevi dichiarazioni di Polyphony, sviluppatori del titolo, abbiamo appurato che sarà presente una Modalità Campagna, pronta ad allungare la longevità del videogioco.

Project Athia

Playstation 5

Tra un grande sequel e l’altro compare una nuova Ip misteriosa, denominata Project Athia. Un progetto che si impunta di mostrare un mondo naturale come mai visto prima e di poterne controllare le caratteristiche in stile Remedy. Questo “Control-Like” potrebbe rappresentare la prossima frontiera della fisica nei videogiochi.


Tante sono le ispirazioni che il trailer presentato è riuscito a donare, spaziando da Platinum Games con il suo Scalebound fino a toccare vette inesplorate simili ai grandi capolavori di Final Fantasy. Una nuova produzione che possiamo sicuramente tener d’occhio e che riusciremo a scoprire pian piano nel tempo.

Ghostwire: Tokyo

Playstation 5

Shinji Mikami sfrutta il palco di Playstation 5 per presentare la sua esclusiva temporale Ghostwire: Tokyo. Un progetto particolare, disturbante come pochi e che unisce il no sense occidentale con la cultura orientale, fondendosi in un ibrido difficile da inquadrare e molto diverso rispetto alle vecchie opere del visionario autore horror.


Spulciando il trailer si possono comprendere dettagli molto particolari. Infatti si parla di un protagonista dai connotati profondamente medievali il cui animo però risiede nella realtà di tutti i giorni, dedito alla salvezza di tutta Tokyo. Il foto realismo unito con qualche folle effetto grafico rendono il tutto insapettato e molto scoppiettante, presentato proprio in casa Playstation.

OddWorld Soulstorm

OddWorld

Il ritorno di OddWorld non era assolutamente scontato, e il lavoro degli sviluppatori è stato mostrato in maniera completa ed esaustiva, non brillando purtroppo per il comparto tecnico. A contenuti particolari ed appassionanti sono state affiancate ancora scene poco pompose, che non attira per bellezza tecnica ma possno far piacere ai brand della saga. Un progetto che può ancora migliorare e che necessita di un restyling grafico.

NBA 2K21

NBa 2K21

Lo sport su Next-Gen si mostra con NBA 2K21, un videogioco di cui abbamo potuto osservare la bellezza grafica, molto intrigante, ma senza alcun contenuto da accompagnare con la grafica pomposa. Un semplice lavoro senza troppe pretese, che si appresta a dar voce anche al mondo dei simulativi sporitivi.

Demon’s Souls Remake

Demon's Souls

Purtroppo la presenza di Remake sulle prossime console viene riconfermata da From Software, che non spicca con il ritorno di Demon’s Souls, rimarcando la presenza al timone di queste tipologie di produzioni la vecchia e cara BluePoint. La presentazione del gioco è stata mastodontica, con livelli di dettaglio fondamentali.


L’unico problema riguarda la solita resa grafica, che tutt’ora non stupisce e non fa presumere un lavoro di pregevolissima fattura. Anche in questo caso dunque si può parlare di un progetto nostalgia, volto ai fan della suddetta software house in attesa che sganci vere e proprie sorprese con il tanto atteso Elden Ring.

Pragmata

Pragmata

La stranezza sullo stile di Hideo Kojima torna violentemente in Pragmata, un videogioco impossibile da decifrare che però emoziona per la bellezza degli elementi ufficializzati. Si tratta di un videogioco fantascientifico che pone le proprie fondamenta nel velato e nel mistero, riuscendo ad intrigare con molte idee provenienti dal mondo cinematografico oramai celebre


Tra 2001, Odissea nello Spazio e Interstellar questa produzione potrebbe far risaltare le ampie possibilità della console di Sony, nonostante sia una produzione multipiattaforma. Un progetto molto ambizioso che si appresta a rivoluzionare il mondo del gameplay e dello storytelling, nascondendo però troppe carte, e lasciando sul tavolo poche certezze.

GodFall

GodFall

Gearbox torna in campo con un action sorprendente, dalle tinte divine e dalla tamarraggine assoluta. In Godfall, controllando personaggi dall’armatura da divinità, il nostro compito sarà quello di sconfiggere minacce oscure, armati fino ai denti in un videogioco dai canoni particolarmente pompati. Il futuro dei videogiochi d’azione di prepara a sfondare su prossime console, sperando riescano a toccare punti mai esplorati prima. Un’esclusiva Playstation tutta da vivere.

DeathLoop

DeathLoop

Arkane Studios riesce ad ottenere un posto anche in questo evento, con Bethesda che ottiene un ruolo fondamentale mettendo in mostra il suo DeathLoop. Un’opera che unisce le grandi e perfette componenti di gameplay di Dishonored e Bioshock in un universo alla “We Happy Few”, dalla folle esistenza mossa da questo Loop di morte e rinascita, che potrebbe sfruttare la next-gen e l’ssd di Playstation.


Narrativamente il tutto potrebbe suddividersi in due fasi di gioco. In un primo momento potremo vivere un’esperienza di combattimento, decesso e rinascita perfettamente integrato nell’universo narrativo, per arrivare a delle ore del giorno in cui la morte porta la necessità di ripartire da un checkpoint. Ovviamente si parla di speculazioni, ma l’idea alla base potrebbe attestarsi su alti livelli di originalità.

Best of The Show: Ratchet and Clank Rift Apart e Horizon 2 Forbidden West

Ratchet and Clank: Rift Apart

Horizon 2 Forbidden West

Nel sondaggione fatto sul nostro gruppo Telegram (I Surfisti dell’Hertz) per decretare il Best of The Show abbiamo potuto constatare un testa a testa molto interessante, che ha visto Ratchet and Clank: Rift Apart scontrarsi con Horizon 2 Forbidden West. Due progetti fortemente a cura di Sony che rappresentano con cura maniacale la vera potenza delle esclusive Playstation.


Ratchet And Clank: Rift Apart si mostra come un sequel diretto del reboot per PS4, con lo scopo di far risaltare il potente SSD della console, con transizioni tra un universo e l’altro nonché fasi di gameplay molto dinamiche, che ad un frenetismo delle scene action alternano una incredibile fase strategica giustificata dal movimento mediante portali. Tanti Elementi che a livello narrativo potrebbero portare, come mostrato dal trailer, a paradossi e modifiche nell’intero universo, per giustificare la presenza di nuovi lombax o di un ipotetico Ratchet in versione femminile, trasudando Playstation da tutti i pori.


Horizon 2 Forbidden West sceglie di puntare verso nuove vette rispetto al primo capitolo dell’epopea di Guerrilla Games, portandosi verso una regione del continente tutt’ora sconosciuta. Le scene presentate nei trailer fanno presagire che il videogioco potrebbe raggiungere una dimensione incredibilmente grande, elevando così il prodotto tra i grandi action. Tutti coloro che erano alla ricerca di un nuovo idolo potrebbero trovare in Aloy ciò che cercano, un forte lavoro di caratterizzazione che donerebbe alla giovane fanciulla le giuste dosi di appartenenza alla scuderia Playstation. La lore del mondo di gioco è pronta per essere esplorata, in modo da chiudere ogni buco di trama lasciato dal primo capitolo.

Great Hype Prize: Resident Evil VILLAGE 8

Resident Evil 8

Il ritorno della saga di Resident Evil si prepara ad affondare le radici per un nuovo mondo da assapororare, vincendo con Resident Evil VILLAGE 8 il Great Hype Prize, secondo posto nel suddetto sondaggio. Tra teorie e misteriose mutazioni, i videogiocatori dovranno essere pronti per avventurarsi nuovamente nelle vicende di Ethan, che tornerà in pompa magna dopo i fatti del settimo capitolo. Il Palco Playstation risulta fondamentale.


Licantropi, Vampiri e riferimenti alla Romania ci fanno presagire il peggio, in quanto nel Villaggio, comprimario di queste vicende, oscure azioni accadranno davanti ai nostri occhi e starà a noi esplorare e scoprire i segreti di una cittadina lugubre come poche. Il virus avrà nuovamente un ruolo centrale, con ispirazioni a Resident Evil 4, ma il tutto lascia spazio a nuove derivazioni narrative.


Allora che ne pensate di questo evento su Playstation 5? Fatecelo sapere nello spazio riservato ai commenti?

0 0 vote
Article Rating

Dicci la tua!

0 0
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x