Home » Notizie » PER LA RUBRICA “CINEMA DA GAMEHZ”: SUPER MARIO BROS

PER LA RUBRICA “CINEMA DA GAMEHZ”: SUPER MARIO BROS

Salve a tutti cari followHz,
oggi per la rubrica “Cinema da GameHz” vi propongo “Super Mario Bros” un film del 1993 con Bob Hoskins e Dennis Hopper tratto dall’omonima serie di videogiochi “Super Mario”.
Il film inizia in modo strano, in maniera molto diversa da come potrebbe iniziare un videogioco: tutto ha inizio 65 milioni di anni fa ipotizzando che il meteorite che ha fatto estinguere i dinosauri si sia schiantato su Brooklin spaccando la terra in due dimensioni: la prima è la terra, la seconda è una dimensione parallela nella quale i dinosauri si sono evoluti prendendo le sembianze degli esseri umani.

Venti anni prima dell’inizio della storia, una donna emerge trafelata da un tombino di Brooklyn, portando con sé un involto, contenente una sorta di capsula con una pietra lucente incastonata.
La donna lascia questo involto sugli scalini di un convento e lo stesso viene raccolto dalle suore.
All’interno di quella capsula vi è un uovo all’interno del quale c’è Daisy.

Brooklin, dopo venti anni Daisy è cresciuta ed è una studentessa di paleontologia. La ragazza trova un giacimento di strane ossa di dinosauri.
Deisy è l’inconsapevole principessa e figlia del vecchio Re (de-evoluto in un fungo) dell’altra dimensione, proprio per questo viene rapita dagli scagnozzi del dittatore dell’altra dimensione che ha l’intento di unire le due dimensioni per dominarle entrambe
Qui entrano in gioco i mitici Mario e Luigi che avendo precedentemente e per puro caso conosciuto Daisy, seguono i due scagnozzi che l’hanno rapita arrivando nella dimensione parallela.
Inizia l’avventura tra le strade di una città molto simile al bronx, dove i fratelli Mario diventano i “Super Mario Bros” (anche nell’abbigliamento ahahah).
Con l’ausilio del frammento di meteorite, dopo un’aspra battaglia contro il Re Koopa, i due idraulici riescono ad impedire che i due mondi si uniscano e tutto torna alla normalità con il dittatore che prende la sembianze di un tirannosauro per poi essere disintegrato con dei fucili simili a fucili protonici.

Nelle scene finali assenti nell’edizione italiana, il vecchio re torna umano,  Mario e Luigi  ritornano a Brooklyn, mentre Daisy afferma di dover restare nel suo mondo. Tre settimane dopo, Mario è felice con Daniela, ma Luigi è triste e depresso, anche se lui e Mario vengono celebrati dalla stampa come i salvatori di due mondi, e addirittura un giornale sostiene che, anziché “fratelli Mario” (Mario Bros.), i due dovrebbero essere chiamati “fratelli Super Mario” (Super Mario Bros.).

All’improvviso Daisy sfonda la porta del loro appartamento, armata fino ai denti, dicendo di aver bisogno del loro aiuto. I due fratelli allora si preparano per una nuova avventura.

Anche se a livello di trama ha poco a che fare con la serie di videogames, questo è stato un film che ha fatto storia perchè si tratta della prima trasposizione su pellicola di un videogioco.
Naturalmente alcuni di voi si staranno chiedendo se consiglio o meno questo film…la risposta è si, perchè nel riguardarlo sono tornato bambino anche se ricordo che all’epoca mi lasciò un po’ deluso.


Have your say!

0 0

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami